Ripensare le Terre Alte: un laboratorio di fraternità per una nuova era

di Marta Villa, marta.villa@unitn.it

Per Terra Madre 2022

Le Terre Alte possono diventare territorio laboratorio mettendo in sinergia le diverse soluzioni strategiche che dal passato attraverso le spinte innovative del presente possono permettere a tutte e tutti di superare lo stato di crisi globale che ha investito la Terra. La crisi è multiforme e poliedrica: essendo generale necessità di più soluzioni in rete per fare sì che si riescano a contrastare gli effetti catastrofici ambientali e sociali che già si manifestano in tutta la loro violenza. I territori di quota da sempre sono abituati ad affrontare sfide legate alla sopravvivenza: fin da quando l’essere umano è comparso milioni di anni fa con il proprio istinto migratorio e curioso ha esplorato i diversi ambienti del globo e ha cercato di trarne il più possibile per il proprio sostentamento sia transitandoci come nomade sia ideando soluzioni in alcuni casi anche stupefacenti per garantirsi l’abitabilità. Le Terre Alte possono così diventare un crogiolo di oasi di fraternità, come suggerito dal filosofo Edgar Morin, luoghi dove si possa sperimentare un modo alternativo di cooperare con gli altri esseri viventi all’interno di ecosistemi-ragnatela sempre più interrelati gli uni con gli altri. Le culture, il dialogo e gli scambi di buone idee e buone pratiche possono essere quella possibilità che stiamo cercando per “r-esistere” alla crisi: gli ambienti montani sono da sempre luoghi di incontro, di ingegno, di sapere diffuso, di continua contaminazione. Questa loro caratteristica peculiare può essere studiata e interiorizzata da tutte le comunità della nostra Terra Madre e possono essere tratti degli spunti di riflessione e di azione per ristabilire quell’equilibro intraspecifico che da troppo tempo abbiamo perso. L’antropocene da decenni sta mostrando tutti i propri orrori, non è più possibile restare solo a guardare e subire le decisioni prese da altri: ora è necessario iniziare insieme una nuova era geologica.


@ Fototeca Trentino Sviluppo S.p.A. Foto di Marco Simonini - Dolomiti Paganella - Molveno - Pradel - Malga Tovre

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti