top of page

Slow Food a Bio-logicA con i Laboratori del Gusto


Sabato 16 marzo, alla prima giornata di “Bio-logicA - il valore sociale dell’Agricoltura” i Laboratori del Gusto di Slow Food ci hanno permesso di parlare di temi importanti e attuali: tutela della biodiversità, governance delle Terre Alte, produzioni a latte crudo e territori di vita.

Attraverso l’esperienza sensoriale dei laboratori e l’assaggio di cibo buono, pulito e giusto si approfondiscono così le interconnessioni tra il cibo e le comunità, la crisi climatica, la transizione ecologica e i cambiamenti sociali. Ricordandoci che per riconoscere il “buono” è necessario educare i propri sensi. L’incontro con i produttori ci permette di scoprire la vitalità delle nostre valli e le prospettive future.

Grazie ai volontari che si sono impegnati nella giornata mettendo tutta la propria professionalità nella divulgazione dei valori Slow Food: Gianluca Fruet e Matteo Pegoretti di EvoTrentino, Andrea Tella per i Laboratori dedicati alla nosiola e all’enantio Presidio Slow Food, Lisa Cecchetti per l’assistenza durante tutta la giornata, Alessandro Suffritti da Agritur Ciasa Dò Parè : azienda agricola biologica e appartamenti, Mezzo apicoltura con Francesco Mezzo e il Presidio del miele di alta montagna alpina. Infine un ringraziamento speciale a Marta Villa che guidato gli incontri e Betti Paolo Cuoco che ha introdotto il tema della transizione proteica.




Anche nella seconda giornata di Bio-logicA - il valore sociale dell’Agricoltura” Slow Food Trentino-Alto Adige Südtirol, condotti da Marta Villa.

Primo ospite della giornata Daniele Rosati, produttore del Presidio della grigio alpina con l’Azienda Agricola Sicherhof dalla Val di Non che ha spiegato il valore per l’ecosistema del mantenimento delle razze autoctone. Emozionante il racconto degli appuntamenti 2024 de La Campirlota • Narratori e contadini, un originale calendario di esperienze ed escursioni che partono dal progetto agricolo di Elisa e Paolo in Val di Cembra per espandersi a tutto il Trentino.

Betti Paolo Cuoco ha condotto poi una serie di Laboratori del gusto partendo dal mondo dei Presìdi Slow Food con la Ciuiga di San Lorenzo in Banale Famiglia Cooperativa Brenta Paganella, per poi parlare di spreco proponendo una vecchia ricetta tradizionale di recupero di pane vecchio e mele mature. Spazio ancora una volta ai legumi anche nel dialogo con Laura Endrighi - Psicologa con un intervento volto a suggerire alcuni spunti per imparare ad ascoltare i nostri sensi quando mangiamo, facendoci guidare in scelte consapevoli, rispettose della nostra salute e dell’ambiente e al contempo gustose rivendicando il diritto al piacere.

Infine il mondo del vino con i Laboratori di Andrea Tella dedicati ai vini resistenti PiWi con assaggi di Cantina El Zeremia, Azienda Agricola Pravis e Villa Persani di azienda agricola Clementi Silvano e un incontro dedicato ai vini biologici quotidiani



20 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page